Il panorama e le bellezze delle città marittime della Liguria sono famose in tutto il mondo. I meravigliosi borghi di Monterosso al Mare, Corniglia, Manarola, Riomaggiore e Vernazza costituiscono quelle che in Italia e nel mondo sono conosciute come le Cinque Terre. Oggi vogliamo parlarvi proprio di quest’ultima, che da più parti è considerata come la più bella cittadina marittima della riviera ligure di levante.

Agricoltura e turismo

Come detto, Vernazza è considerata da molti la più incantevole delle Cinque Terre della riviera spezzina. Assieme alle sue quattro città sorelle, la città è stata inserita nella lista del Patrimonio dell’UNESCO. La sua posizione isolata rende questo paese ancora più caratteristico. Immersa nei colori fastosi delle sue abitazioni e nell’azzurro brillante del mare, Vernazza dista un quarto d’ora da La Spezia ed è raggiungibile grazie ad una strada tortuosa e non propriamente agevole. Una volta giunti in paese, non resta che lasciare la propria vettura nei due parcheggi disponibili e godersi una passeggiata per raggiungere il centro.

paesaggio di Vernazza
Lo splendido scorcio di Vernazza. Fonte: wikipedia

Le principali risorse economiche del piccolo paese ligure sono derivate dall’agricoltura, con i terrazzamenti tipici del panorama ligure e, ovviamente dal turismo. Di grande importanza sono le coltivazioni di olive, di limoni e, soprattutto, dell’uva. I vini vernazzani e, più in generale, delle Cinque Terre, sono infatti molto apprezzati sul territorio nazionale.

Cenni storici

La città è dominata dal Castello Doria, una fortezza medievale costruita sul costone roccioso e alta circa settanta metri. La fortificazione domina il porticciolo naturale di Vernazza e i resti della sua cinta muraria vanno quasi a confondersi con le rocce frastagliate della costa. Il primo nucleo del castello risalirebbe addirittura alla dominazione degli Obertenghi, suggerendoci che un centro abitato esistesse già nel XI secolo. Di sicuro la posizione della città era particolarmente favorevole per gli scambi commerciali e non si esclude che la sua fondazione sia addirittura coeva all’impero romano.
L’altra fortificazione della città consta nel Belforte, un bastione medievale quadrangolare che si erge sugli scogli del promontorio, che risale alla dominazione genovese della cittadina.

La chiesa di S. Maria di Antiochia a Vernazza
La chiesa di S. Maria di Antiochia. Fonte: Paesaggio Italiano

Il centro religioso di Vernazza è sicuramente la chiesa di S. Margherita d’Antiochia, risalente agli inizi del XIII secolo e costruita su un precedente edificio romanico. Questa parrocchia ha la particolarità di svilupparsi su due piani e di avere uno dei suoi lati che sporge direttamente sul mare. La consacrazione alla santa deriva dalla leggenda che vuole che una cassa con le sue reliquie fosse ritrovata proprio sulle spiagge di Vernazza. Per gli interni della chiesa si utilizzò uno stile inconfondibilmente gotico (di grande pregio è il tabernacolo) e si impiegò l’ardesia, pietra tipica della Riviera di Levante.
Poco distante dal centro, invece, si trova il Santuario della Madonna di Reggio, che offre uno degli innumerevoli scorci da visitare con la fotocamera al collo. Vernazza, infatti, per i suoi scenari, è considerata come una sorta di paradiso per i fotografi del paesaggio.

Luigi Bove

Autore: Luigi Bove

Amante della scrittura, dell’arte, del calcio e della vita. Filosofo mancato, sportivo mancato, studioso..mai stato. Mi piace scoprire i vari aspetti del mondo, restando sempre legato alla mia città, Caserta.

Vernazza, la più bella delle Cinque Terre ultima modifica: 2019-03-29T09:00:08+02:00 da Luigi Bove

Commenti