Che il Made in Italy fosse sinonimo di garanzia e qualità ne abbiamo parlato in diverse occasioni: dai dati sulle esportazioni record del 2016 fino alle stime del valore totale del marchio. Quello che però in questi giorni è emerso è il dato su chi ci fa guadagnare di più. È la palma del miglior alleato del Made in Italy va al Distretto della Cantieristica di Viareggio. Si tratta di uno dei più grandi poli nautici d’Europa e, negli ultimi anni, sta segnando numeri da record.

Un settore in forte crescita

In occasione del Versilia Yachting Rendez-vous, evento dedicato al settore nautico andato in scena nel mese di maggio, sono state tirate le somme degli ultimi anni per quanto riguarda il mercato e la produzione. In particolare la Cerved Credit Management Group ha rilasciato le statistiche del polo produttivo di Viareggio. È emerso che i modelli prodotti nella città toscana hanno fruttato, solo nel 2015, la bellezza di 1,130 milioni di euro. Numeri da record, ma soprattutto in costante crescita. Rispetto all’anno precedente, infatti, il valore è aumentato di quasi il 4%. Ma non solo. Di tutta la produzione più dell’80% è stata venduta all’estero, con un aumento del 16% sulla base annua. Questo ha di fatto catapultato l’industria nautica toscana in cima alla classifica delle attività più redditizie per il Made in Italy.

viareggio

Barche, navi e yacht Made in Viareggio

Ma cos’è il Distretto di Viareggio? Si tratta di un polo produttivo dedicato al settore nautico. Attualmente conta quasi 500 imprese attive con circa 4.300 lavoratori. Molte di queste imprese sono dislocate a Lucca, ma la fetta più grande si concentra nel Comune di Viareggio. L’attività è mirata sulla progettazione e fabbricazione di unità navali di varie dimensioni. Ci sono i cantieri specializzati nella realizzazione di piccole barche, fino a quelli interamente dedicati ai mega-yatch di lusso. Spazio anche alla manutenzione e al restyling, con la presenza di diverse officine. I lavori, a differenza della concorrenza, hanno tutti uno stampo artigianale, voluto proprio per differenziarsi nel mercato. Questo ha reso, e rende, le unità prodotte a Viareggio dei veri e propri gioielli del settore. Gioielli venduti spesso a peso d’oro a sceicchi, miliardari e potenti uomini d’affari che noi comuni mortali possiamo solo sognare ed ammirare.

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Viareggio: dalla Toscana il miglior contributo al Made in Italy ultima modifica: 2017-06-05T07:32:33+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti