notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Ha inaugurato lo scorso 3 luglio 2020 nella città ai piedi del monte Grappa una mostra dedicata a un aspetto particolarissimo del Medioevo… la moda! Fino al 28 marzo 2021, “Trame di storia. Abiti e mode nel Medioevo a Bassano del Grappa” resta allestita e visitabile presso la torre civica di Bassano.

mostra - locandina mostra bassano del grappa

Un Medioevo da scoprire

Periodo buio a chi? È ormai sdoganata dagli storici contemporanei l’idea del Medioevo come di un periodo buio e culturalmente povero. Si punta infatti a sottolinearne gli slanci culturali e anche lo sviluppo economico in termini non troppo dissimili da quelli che conosciamo oggi. Il tema della moda e della creazione degli abiti ne è un esempio, ed è proprio ciò su cui si concentra la mostra “Trame di storia. Abiti e mode nel Medioevo a Bassano del Grappa” curata da Cristina Mondin.

mode - 2 abiti esposti all'interno della mostra
I due abiti del 1300 esposti all’interno della mostra. Foto di Giorgia Favero

Sebbene il concetto di moda come lo intendiamo oggi sia un fatto nato più propriamente con lo sviluppo della società industriale, si riconoscono senz’altro già nel 1200 dei cambiamenti nell’utilizzo di colori, tessuti e fogge a seconda del gusto, ma anche per la consolidazione di uno status sociale.

Gli abiti e le mode di Federico II

Un personaggio storico in grado di incarnare tutto questo è Federico II di Svevia, uno degli uomini cardine del Medioevo. L’imperatore ha giocato un ruolo importante nella politica del territorio veneto, tanto che è possibile anche una sua presenza proprio a Bassano del Grappa nella metà del Duecento. Essa viene in qualche modo testimoniata (anche solo simbolicamente) da un affresco presente a Palazzo Finco, che rappresenta una scena di vita cortese.

mostra - Esposizione dei materiali e dei tessuti
Esposizione dei materiali e dei tessuti. Foto di Giorgia Favero

In essa un personaggio, cui si fa corrispondere proprio Federico II, dona una rosa a una donna, presumibilmente la consorte Isabella d’Inghilterra. È certo che l’imperatore avesse rapporti politici e di amicizia con Ezzelino III da Romano, uno dei più importanti e tra i primi signori di Bassano, noto per la sua ferocia militare ma anche (più recentemente) per il suo interesse nei confronti dell’arte e della bellezza. Questo il clima che si è voluto rappresentare all’interno della mostra.

Mode, tessuti e trame

All’interno della mostra sono esposti sei abiti, sia maschili che femminili. Si tratta di manufatti creati ad hoc per questa esposizione, dunque con materiali e tecniche odierne. Tuttavia i modelli sono stati attentamente studiati e desunti attraverso testimonianze iconografiche del bassanese e dintorni datate tra il 1200 e il 1500. Un esempio è proprio l’affresco di Palazzo Finco sopracitato, riscoperto da alcuni anni ma di grande interesse storico e artistico. Da esso sono tratti due degli abiti in mostra: quello del dignitario di corte e del musico.

mode - La torre civica di Bassano
La torre civica di Bassano vista dalla piazza antistante, ovvero piazza Garibaldi. Foto di Giorgia Favero

I sei modelli sono attentamente raccontati all’interno del contesto storico ed economico della Bassano di allora, spiegando tuttavia anche l’evoluzione della moda nel corso dei secoli. Accanto agli abiti vi è inoltre un approfondimento sui materiali più utilizzati all’epoca, ben noti anche oggi: lana, cotone, canapa, lino e seta. Grazie ad una postazione appositamente studiata è possibile scoprire le differenze di realizzazione dei tessuti ma anche saggiarne con mano le diversità in termini materici.

La torre civica di Bassano

La mostra si inserisce piacevolmente all’interno del contesto della torre civica cittadina. Un monumento simbolo di Bassano, costruita presumibilmente nel 1200, che si presenta all’interno con facciate di mattoni a vista che ben si legano all’esposizione dedicata alla moda medievale. La mostra si snoda attraverso gli otto livelli della torre e fino alla terrazza panoramica. Dalla cima dei suoi 43 metri di altezza è possibile ammirare un panorama a 360° che abbraccia non solo la città di Bassano ma anche il suo intorno, seguendo il corso del fiume Brenta fino ai colli Berici, i colli Asolani alla parte opposta nonché le maestose pendici del monte Grappa che si estendono a nord.

Bassano del Grappa racconta abiti e mode medievali ultima modifica: 2020-07-13T13:30:00+02:00 da Giorgia Favero

Commenti