notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Per terminare con gioia il tour estivo alla riscoperta delle città e i posti più belli d’Italia, il consiglio è di fare al più presto un salto alla scalinata del Pincio, di Bologna, soprattutto in questo periodo, quando le città non sono invase da persone e caos quotidiano. La scalinata del Pincio, e il giardino della Montagnola sono considerate tra le bellezze da non perdere di Bologna. Ci si può fermare a fare una sosta, una foto ricordo, o semplicemente guardare e ammirare la bellezza delle creazioni antiche come questa che l’Italia vanta.

La scalinata del Pincio e il giardino della Montagnola

Nella piazza VIII agosto, antistante e precisamente all’interno della strada del parco, ogni venerdì e sabato si tiene anche un grande mercato chiamato “La Piazzola”, conosciuto come “mercato della Montagnola”. Un luogo simbolo per i bolognesi di aggregazione e di convivialità.

scalinata del Pincio - la fontana

La creazione architettonica, dicevamo, si trova a Bologna e non a Roma, come molti potrebbero pensare lasciandosi ingannare dal nome, che ricorda molto la capitale. La scalinata, o meglio “La monumentale della Montagnola”, ha origini abbastanza antiche e pertanto merita di essere visitata e studiata.

Origini e architettura

Per accedervi è necessario attraversare il lato del Pincio, realizzato nel 1896 grazie ad un progetto ideato da Tito Azzolini e Attilio Muggia. Alla base del lavoro architettonico risiede una monumentale fontana, che venne scolpita da Diego Sarti e Pietro Veronesi. All’interno del parco vi si trova una vasca circolare.

L’imponente scalinata bolognese

Le scalinate, vennero invece adornate di grandi lumiere in piombo con delle lanterne ad olio, per illuminare in quell’epoca le strade nella notte. Anche la facciata ha una grande importanza comunicativa e artistica. Sulla facciata principale, infatti vi sono dei bassorilievi di grande fascino, due per l’esattezza: il  “Bologna docet” di Arturo Colombarini e “Bologna Libertas” di Ettore Sabbioni. La fontana centrale, eseguita da Diego Sarti e Pietro Veronesi, su disegno di Muggia e Azzolini, rappresenta lo splendore e il fulcro del monumento. Facendo ancora un passo indietro, è bene ricordare che l’opera venne eretta in un periodo storico di forte cambiamento e voglia di crescere e di far vedere agli occhi del mondo la propria potenza.

scalinata del Pincio - panorama di bologna

Bologna, una città ricca di storia e arte

Bologna, è una città città ricca di storia e tradizione e merita di essere apprezzata, infatti, ogni anno, soprattutto durante le feste, si riempie di turisti e curiosi che decidono di fare un salto in uno dei posti più attrattivi della penisola. Considerata anche il vivace e antico capoluogo dell’Emilia, offre molto ad un vasto pubblico eterogeneo.

Una città dedita alla cultura e all’arte

Si tratta di una metropoli frequentata soprattutto da giovani forse anche per la presenza di una delle più antiche Università d’Italia. Bologna, intrisa del sapore medioevale che la contraddistingue, non lascerà nessuno deluso.

Bologna: la scalinata del Pincio, una bellezza da scoprire ultima modifica: 2020-09-08T18:00:00+02:00 da SDS

Commenti