notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Riparte il calcio e ripartono tante altre attività in Italia. Al via ufficialmente la cosiddetta Fase 3, anche se in molti già pensano che sia iniziata da tempo. Ma l’ufficialità è arrivata solo nelle scorse ore con la firma del nuovo Decreto della presidente del Consiglio dei ministri. Sarà in vigore fino al 14 luglio. Previste molte aperture, come i cinema all’aperto ma anche le sale. Aperture per i centri benessere, sale giochi, sale scommesse e terme. Precise regole però sul distanziamento sociale e quindi evitare nuovi contagi. Vietati invece congressi e fiere. Quindi l’Italia riapre ma vediamo nello specifico cosa è previsto.

L'Italia riapre : pianista che si esibisce sul palco
Si potrà andare ai teatri ma ci saranno pochi posti e distanziati

L’Italia riapre ma non tutto: le regole per i cinema e i teatri

Riaprono i cinema: quelli all’aperto potranno contenere fino a mille posti. Le sale al chiuso solo 200 spettatori. Stabiliti poi precisi posti a sedere preassegnati e distanziati. Va quindi assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori. “Restano sospese – chiarisce il decreto – sino al 14 luglio 2020 le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi”. Ogni regione o provincia autonoma potrà poi agire diversamente, in base alle dimensioni e caratteristiche dei luoghi.

Spazi aperti anche per i giochi dei bambini: così l’Italia riapre

Nel decreto sulla Fase 3 si parla anche degli spazi e aree per i giochi per bambini. Ma anche i centri estivi. L’Italia riapre anche questi luoghi, come prevede il decreto.È consentito l’accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative – si legge –. Anche non formali, al chiuso o all’aria aperta, con l’ausilio di operatori cui affidarli in custodia e con obbligo di adottare appositi protocolli di sicurezza in conformità alle linee guida del dipartimento per le politiche della famiglia.”

L'Italia riapre : spazio con giochi per bambini
Tra le aree aperte anche gli spazi gioco per bambini e i centri estivi

Riparte il calcio e anche gli sport da contatto

E se già in questo fine settimana sono ripartite le partite di calcio, si potranno anche praticare altri sport. “Dal 25 giugno possono riprendere gli sport di contatto amatoriali – ha affermato Conte –, se le regioni ma anche il ministro dello Sport e della Salute accertino che ricorre la compatibilità dello svolgimento con la situazione epidemiologica.” Quindi via libera a calcetto e beach volley, boxe per gli appassionati, il basket e tutti gli sport da contatto. Aperture per le sale giochi, sale scommesse e sale bingo. Ma a condizione che Regioni e Province Autonome abbiano “accertato la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica” e individuino i “protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio.”

L Italia riapre : due ragazze che giocano a pallavolo
Il beach volley è tra gli sport che si potranno fare nella Fase 3

Niente viaggi con navi da crociera

Non si potrà invece viaggiare con le navi da crociera. Almeno fino al 14 luglio. Sono solo consentiti gli ingressi per le navi con bandiera estera, impiegate in servizi di crociera nei porti italiani solo per la sosta inoperosa. Inoltre dal 16 giugno 2020 si potrà viaggiare verso Albania, Bosnia e Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del nord, Serbia. Validi spostamenti per gli Stati membri dell’Unione Europea; Stati parte dell’accordo di Schengen; Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; Andorra, Principato di Monaco; Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano. Inoltre esteso a cinque giorni, il periodo massimo di permanenza senza obbligo di quarantena domiciliare per chi fa ingresso in Italia per “comprovate ragioni di lavoro”, così come “per chi va all’estero per comprovate ragioni lavorative.”

Foto in evidenza di David Peña su Unsplash

Comincia la Fase 3. L’Italia riapre, gli italiani respirano ultima modifica: 2020-06-15T13:00:00+02:00 da Federica Puglisi

Commenti