notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Si intitola “La Fabbrica dell’Italiano” il primo film sull’Accademia della Crusca. Atteso per novembre, il docufilm ripercorrerà in 55 minuti la storia dell’Accademia dal Cinquecento ad oggi.

Cosa sappiamo su “La Fabbrica dell’Italiano”

“La Fabbrica dell’Italiano” è stato realizzato utilizzando scene di fiction a cura della Compagnia delle Seggiole di Fabio Baronti, ma anche interviste e approfondimenti. Il risultato? Uno splendido racconto alla scoperta della lingua italiana, delle sue sfaccettature e della sua complessa unicità. Voluto dall’Accademia della Crusca, e firmato dalla casa di produzione toscana Berta Film, “La Fabbrica dell’Italiano” ha coinvolto volti noti del panorama culturale italiano: lo storico Alessandro Barbero, l’attrice Monica Guerritore, lo storico dell’arte Tomaso Montanari. E poi, ovviamente, le personalità di maggior spicco dell’Accademia della Crusca. Voce narrante saranno invece “I Nuovi”, un’associazione di giovani attori formati alla scuola “Orazio Costa” del Teatro della Pergola di Firenze.

“La Fabbrica dell’Italiano”, oltre che un’occasione per approfondare la storia dell’italiano, sarà anche l’occasione per conoscere da vicino l’Accademia della Crusca. Alcune scene saranno infatti ambientate nelle sale e nel giardino della villa medicea della fiorentina via di Castello, oggi visitabili. Si vedranno le gesta dei fondatori, le loro prime e scherzose riunioni, il processo che portò alla nascita nel 1612 del primo vocabolario europeo. Così, conoscere come l’italiano è nato, diventa più semplice. Ma più semplice sarà anche capire cos’è per davvero l’Accademia della Crusca e quali sono i suoi compiti. Il film andrà in onda a fine novembre in TV, dopo la presentazione in anteprima al Festival dei Popoli di Firenze.

Cosa fa l’Accademia della Crusca?

L’Accademia della Crusca è un’istituzione italiana che raccoglie studiosi ed esperti di linguistica e filologia della lingua italiana. A fondarla è stato nel 1525 Leonardo Salviati che, inizialmente, aveva l’idea di un organismo giocoso. Tuttavia, quella che è la più antica accademia linguistica del mondo, svolge oggi in modo egregio il suo impegno: preservare la purezza della lingua italiana. È infatti un importantissimo centro di ricerca scientifica, il cui scopo è lo studio e la promozione dell’italiano. Obiettivo dell’Accademia della Crusca è far conoscere e diffondere nella società italiana e all’estero la conoscenza storica della nostra lingua. A cominciare dai banchi di scuola.

Si può visitare l’Accademia della Crusca? La risposta è sì. Si può accedere alla biblioteca e all’archivio e partecipare a convegni, seminari e visite guidate se si è possesso del Green Pass. La villa in cui oggi ha sede fu la residenza preferita dai Medici, acquistata dalla famiglia Stufa su suggerimento di Lorenzo Il Magnifico. Nel suo splendido giardino lavorarono il Tiepolo e il Vasari mentre le sue stanze, negli anni, ospitarono dipinti allegorici del Pontorno ma anche la Nascita di Venere e la Primavera del Botticelli (oggi conservate agli Uffizi). Sede dell’Accademia della Crusca dal 1966, restaurata dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici, è oggi al centro de “La Fabbrica dell’Italiano”.

Foto in evidenza tratta dalla pagina Facebook dell’Accademia della Crusca

“La Fabbrica dell’Italiano”, un film sull’Accademia della Crusca ultima modifica: 2021-11-04T09:00:00+01:00 da Laura Alberti

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x