notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

E’ stata la serie televisiva più seguita nel nostro bel Paese. Una caserma dei carabinieri, un maresciallo investigatore. E ancora, le meraviglie di Viterbo, avventure settimana dopo settimana, parliamo della fiction “Il maresciallo Rocca”. Con un grande Gigi Proietti, ancora oggi, registra importanti traguardi Auditel. La recente scomparsa di Proietti, “mattatore” del piccolo schermo e non solo, ha riacceso i riflettori su questa pellicola. In questi giorni la serie viene trasmessa in replica su Rai Premium. La storia del maresciallo Rocca parte per la prima volta nel lontano 1996 e traghetta sul podio degli ascolti la Rai fino al 2005.

La serie sbaraglia la critica

La pellicola, ideata da Laura Toscano e prodotta dalla Rai, è stata più volte paragonata, dalla critica, alle grandi produzioni internazionali. A distanza di anni, resiste nell’olimpo delle serie poliziesche. “L’ispettore Derrick, “I due volti della giustizia”, “Scena del crimine”, “Il maresciallo Rocca”, sono tra le storie più seguite nei diversi Paesi del mondo.

Il maresciallo Rocca con Gigi Proietti
Sul set de “Il maresciallo Rocca”

L’interpretazione “autentica” di Gigi Proietti

Il maresciallo Rocca sembra cucito perfettamente, quasi come un abito per una ricorrenza importante, su Gigi Proietti. La sua interpretazione, autentica, raffinata, nello stesso tempo di una semplicità disarmante, ha letteralmente plasmato un personaggio unico. Probabilmente, è l’esempio più lampante di come un attore si catapulta completamente nel suo ruolo, non percependone più le differenze sostanziali. Nella pellicola veste i panni di un vedovo con tre figli. Le tante investigazioni, spesso serrate, si mescolano perfettamente con la sua famiglia. Nella serie, il suo fiuto infallibile risolve i casi più disparati. La vita di una piccola caserma di provincia crea la ciliegina perfetta per il successo del format. Le storie dei carabinieri in servizio plasmano un vero ambiente “militare”.

Rocca e il brigadiere Sergio Fiorentini
Gigi con l’attore Sergio Fiorentini

Il brigadiere Cacciapuoti

E’ sicuramente il brigadiere Cacciapuoti, interpretato dall’attore Sergio Fiorentini, uno dei personaggi più conosciuti della serie. L’attore Fiorentini, scomparso nel 2014, era profondamente legato a Gigi Proietti. Le loro performance nelle puntate risultavano essere sempre dalla tecnica recitativa eccellente. Cacciapuoti rappresentavano la parte della vera amicizia: sul set e non solo. La loro “intesa” trasudava in ogni ciak.

Un cast stellare per “Il maresciallo Rocca”

Nel susseguirsi delle stagioni, precisamente ben 5 e una piccola miniserie per concludere la storia, diversi attori del panorama italiano hanno lasciato il loro contributo recitativo. Sicuramente il loro talento ha fatto lievitare notevolmente il successo di ascolti. Stefania Sandrelli, Veronica Pivetti, Paolo Gasparini, Massimiliano Virgilii, sono solo una minima parte del cast “stellare”. Una miriade di giovani attori hanno avviato la loro carriera nel corso di un decennio di registrazioni.

Curiosità: il maresciallo Rocca annienta Sanremo

Con punte di 10 milioni di telespettatori, la serie de “Il maresciallo Rocca” è stato l’unica fiction italiana a battere, per gli ascolti, il festival di Sanremo. Infatti, l’ultimo episodio, della prima stagione nel 1996, conquistò ben 16 milioni di telespettatori, annientando completamente il festival della canzone italiana.

Il maresciallo Rocca, un successo targato Gigi Proietti ultima modifica: 2020-11-06T15:00:07+01:00 da Omar Falvo

Commenti