notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

In passato la presenza di figure di proporzioni gigantesche veniva spesso utilizzata per aumentarne la potenza, infatti, anche gli dei e i semidei venivano spesso indicati come creature giganti. A Messina, nel mese di agosto, le imponenti statue di legno dei giganti Mata e Grifone vengono portate in processione. Sulla storia dei due giganti ci sono diverse scuole di pensiero.

Diverse scuole di pensiero

La più diffusa scuola di pensiero sostiene che Mata e Grifone siano i giganti fondatori della città di Messina.

Mata e Grifone  - mata a cavallo
L’immagine by Jacopo Werther è concessa in licenza con 
CC BY-SA 4.0

Mata era una bella ragazza siciliana e Grifone un gigante saraceno, pirata, di fede musulmana. Durante uno dei suoi tanti atti di pirateria, vide Mata, se ne innamorò e la chiese in sposa al padre. Ma, nè il padre nè la fanciulla avevano intenzione di dirgli di sì. Grifone usò allora ogni mezzo, lecito e illecito, per ottenere ciò che voleva ma, non ci riuscì. Il gigante capì che l’unico modo per conquistare il cuore della donna amata era quello di pentirsi e cambiare vita. Quindi si convertì al Cristianesimo, si fece battezzare col nome di Grifo e si dedicò alla coltivazione della terra e alle opere di beneficenza. Mata, si innamorò dunque di quel gigante che, per amor suo cambiò vita, religione e nome e, finalmente, contraccambiò il suo amore.

Mata e Grifone - grifone a cavallo
L’immagine by Jacopo Werther è concessa in licenza con 
CC BY-SA 4.0

Un’altra scuola di pensiero, vede una simbologia religiosa nelle figure di Mata e Grifone. Mata, gigantessa bianca sul cavallo bianco simboleggia la Chiesa Romana; Grifone, nero sul cavallo nero, la Chiesa di Costantinopoli. Queste due figure rappresentano quindi la Chiesa Orientale e la Chiesa Romana come continuità di culto cristiano prima e dopo del periodo islamico.

Le statue di Mata e Grifone

Secondo alcuni storici, il disegno dei cavalli di Mata e Grifone fu fatto da Leonardo da Vinci o da Raffaello Sanzio. Si pensa, inoltre, che la testa e il busto di Grifone siano le parti più antiche, probabilmente cinquecentesche. La testa fu scolpita da Montanini o da Calamech, che forse si ispirarono alla statua di Giove Capitolino che si trova nei Musei Vaticani; il gigante infatti non è un africano, ma ha lineamenti greco-romani.

Mata e Grifone, storia e leggenda dei giganti a cavallo ultima modifica: 2021-03-14T19:00:00+01:00 da Emanuele Ferlaino

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x