notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Quadri, sculture, autovetture, fossili, bambole. Di musei ce ne sono molti. Le loro collezioni spaziano dalle più comuni, per tipologia, sino a pezzi più insoliti.  Contestualizzati nella storia del luogo che li ospita sono capaci di stupirci per la loro singolarità. E questo è sicuramente vero per il Messner Museum di Monte Rite. Noto anche come “museo nelle nuvole” troneggia sulle Dolomiti volgendo lo sguardo verso un panoramico scenario. 

Messner Museum Monte Rite. Immagine del Museo dellamontagna di Monte Rite
di Katus84. Wikimedia.commons

L’iniziativa

Non è l’unica realtà culturale a trovarsi ad alta quota. Il Messner Museum di Monte Rite fa infatti parte di un circuito più ampio. Sono ben sei le sedi che occupano diversi punti dell’arco alpino. Castel Firmiano, Castel Juval, Solda, Forte Monte Rite, Castello di Brunico, Plan de Corones. Conosciuto anche con l’acronimo della tripla M: Messner Mountain Museum o più semplicemente MMM. Ciascuno spazio ci racconta un aspetto della montagna. Il mito e la sacralità, i ghiacci, i popoli, la storia dell’alpinismo, la roccia.  Un museo dunque dalla forte specificità che consente al visitatore di crearsi un’immagine più completa degli imponenti massicci. Come tante tessere di un puzzle che poco alla volta restituiscono un disegno d’insieme. La voglia di raccontare e far conoscere questi “alti luoghi”  non può che provenire da chi è “figlio della montagna”.

Messner Museum Monte Rite. Fotografie del noto alpinista Reinhold Messner

Il museo sorge per volontà del noto alpinista Reinhold Messner che con la montagna ha un legame forte e speciale. Nato nel 1944 in Val di Funes, i suoi nonni sono tutti originari della regione dolomitica. Protagonista di numerosi viaggi e scalate che lo hanno portato molto lontano dalle sue radici. Dalle Ande, al Giappone, all’Alaska. Un percorso importante quindi che fa acquisire forte valore alle sue parole. “E tuttavia non ho mai visto un mondo di roccia dalle forme più belle di questo: si pensi, ad esempio al gruppo delle Odle, al Sassolungo e alle strapiombanti pareti nord delle Tre Cime di Lavaredo. Già da bambino ero stupito e meravigliato da tanta varietà. Impressioni insuperate. Il mio ritorno in Alto Adige è dunque anche una dichiarazione d’amore alle Dolomiti. Le Odle sono il punto fermo nella mia vita da avventuriero”.

Messner Museum di Monte Rite

Ma cosa contiene all’interno il Museo di Monte Rite? Ospitato nei resti delle vecchie fortificazioni costruite durante la Prima Guerra Mondiale, poi restaurati, il museo ha una collezione varia. Da un lato una ricca gallerie di quadri, ovviamente a tema! Dal Romanticismo fino alle produzioni più contemporanee, è la montagna il soggetto protagonista delle tele. Opere che dialogano con l’ambiente, scandendo un singolare ritmo che alterna raffigurazione a realtà. Collocato a 2181 metri d’altezza, il Museo di Monte Rite permette, attraverso le sue finestre, di scorgere panorami e vette. Se i quadri restituiscono l’immagine verosimile di quanto ancora oggi possiamo osservare, stupisce invece il significato dato da un’altra parte della collezione.

Messner Museum Monte Rite. Immagine della vetta di Cibiana di Cadore
di Kebnekaise. Flickr.com

Sono i fossili di conchiglie, di felci di palma e di tanti altri reperti risalenti a tempi immemorabili. Il Triassico, quel remoto passato datato 240 milioni di anni fa, in cui abitava qui un caldo mare tropicale. L’obiettivo è dunque anche quello di narrare la lunga vita della montagna, la sua nascita, la sua trasformazione. Accanto a tutto ciò si pone la sete di conoscenza che da sempre caratterizza l’uomo. Ecco quindi un raggruppamento di oggetti e documenti, quelli che ci raccontano la storia dell’alpinismo e delle esplorazioni.  Situato nel cuore delle Dolomiti il Museo di Monte Rite si trova nel Comune di Cibiana di Cadore, in provincia di Belluno. La sua vetta è raggiungibile a piedi a seguito di una camminata di un paio d’ore o alternativamente tramite navetta. Aperto da giugno a settembre il museo nelle nuvole merita certamente una visita per lasciarsi trasportare nelle curiosità di un ambiente forse ancora poco conosciuto.

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!
Messner Museum Monte Rite: il museo nelle nuvole ultima modifica: 2019-08-29T09:30:18+01:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti