notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

L’italiano migrante non è certo una persona che si fa intimorire dalle distanze. Basti pensare all’Argentina e ai suoi 900mila residenti provenienti dal Belpaese. C’è poi un altro luogo, ben più lontano, che da decenni affascina il popolo italico: l’Australia. Qui la comunità italiana è molto numerosa in varie città, e anno dopo anno si sta ingrandendo sempre più. Non solo nelle classiche Sidney e Melbourne, ma anche nell’Australia Occidentale, ovvero a Perth.

Bella e isolata: Perth

Fondata nel 1829, la città di Perth non ha una storia particolarmente antica. Fino alla fine del XIX secolo l’Inghilterra mandava qui i suoi galeotti per sopperire alla mancanza di manodopera. Gran parte del centro cittadino venne infatti costruito grazie al lavoro dei condannati che all’epoca rappresentavano una fetta consistente della popolazione. Alla fine dell’Ottocento la svolta: la scoperta di varie miniere d’oro che aprirono uno scenario tutto nuovo per la città. Questo permise a Perth di svilupparsi di pari passo con gli altri grandi centri australiani della costa Est.

Ma cosa rende così particolare questa città? Sicuramente la sua posizione, che fa di Perth uno dei centri abitati più isolati al mondo. Mentre l’Australia Orientale conta diverse grandi metropoli relativamente vicine, qui la situazione è ben diversa. A est ci sono migliaia di km di deserto e parchi naturali, a ovest l’oceano, mentre a nord e sud è più facile imbattersi in un canguro che non in un altro essere umano. Economia, società e altro ancora si concentrano quindi a Perth, collocandola al quarto posto nella lista delle principali città australiane. Molti stranieri, per questo motivo, l’hanno scelta nel tempo come meta per costruirsi una nuova vita. E tra le comunità più numerose c’è, guarda caso, quella italiana che conta quasi 20mila persone.

perth
Fremantle

Gli italiani a Perth

Negli ultimi anni una delle mete più ambite dagli italiani che emigrano in Australia è la città di Perth. I motivi sono vari, ma alla base ci sono senza dubbio le opportunità lavorative. Qui non è infatti difficile trovare un buon lavoro, merito soprattutto di un’economia in ripresa dopo la crisi di fine anni ’80. I settori sono vari e spaziano dalla ristorazione (ogni anno vengono aperti sempre più locali) fino a quello minerario (ricordate le miniere scoperte di fine Ottocento?). Si sta inoltre sviluppando il settore finanziario, offrendo così grandi possibilità per impieghi da ufficio.

Gli italiani a Perth si concentrano soprattutto nel distretto di Fremantle. Si tratta di un’importante città portuale che fa del turismo la sua arma vincente. Non è difficile imbattersi in ristoranti o altre attività gestite da italiani, che da anni stanno letteralmente colonizzando questo distretto. A differenza del centro di Perth, qui i costi per vivere sono decisamente più contenuti e risulta molto più semplice costruirsi un futuro. L’influenza della nostra cultura è abbastanza palpabile, come dimostrato dai piatti tipici che sono quasi tutti di origine italiana. Inoltre l’architettura è di chiaro stampo europeo, con alcuni elementi tipici mediterranei.

Una comunità unita

Ma è unita la comunità italiana a Perth? Ovviamente sì, come dimostrato dalle tante testimonianze degli italiani appena emigrati in Australia. Nell’ultimo decennio hanno preso vita associazioni, siti internet, pagine Facebook  e blog per aiutare gli ultimi arrivati. Un vero e proprio network dove trovare consigli e supporto: dai migliori posti dove mangiare fino alle istruzioni per ottenere il visto più adatto alle nostre esigenze. Una rete in continua espansione, visto il numero sempre crescente di italiani che si trasferiscono a Perth. Basti pensare che siamo più che raddoppiati negli ultimi 10 anni e, secondo le stime, cresceremo ancora. Perché il migrante italiano non conosce limiti e paure, nemmeno di fronte alla città più isolata al mondo.

Perth: la nuova meta per gli italiani in Australia ultima modifica: 2017-06-27T07:13:05+02:00 da Gabriele Roberti

Commenti