Primo Maggio, la Festa del Lavoro: è tempo, quindi del concertone a piazza San Giovanni a Roma o della gita fuori porta con lo spuntino a base di fave e pecorino.

primo maggio

Un po’ di Storia…

Ma è sempre stato cosi’ ? Cosa c’è dietro questa immagine serena e disimpegnata che l’1 maggio si porta dietro ? C’è una storia di scontri e di lutti, c’è una quotidianità di sacrifici e, talvolta, di morte. La festa trova le sue radici nelle lotte dei lavoratori USA per ottenere la giornata lavorativa di 8 ore. Nel 1886 a Chicago sanguinosi scontri si svolsero nelle strade ai primi di Maggio: 8 lavoratori e poliziotti morirono in strada, seguirono 5 condanne a morte. Nel 1889 il Primo Maggio fu, quindi, proclamato quale Festa del Lavoro dalla Seconda Internazionale a Parigi: l’Italia lo adottò due anni dopo.

Primo maggio

Celebrare il lavoro fu da allora una consuetudine unanimemente accettata. Il lavoro da riconoscere come un volano indispensabile per la realizzazione del singolo cittadino e della comunità nazionale. In Italia il Fascismo accorpò nella giornata del 21 aprile il “Natale di Roma – Festa del Lavoro”, la Chiesa Cattolica con Pio XII nel 1955 proclamo’ l’ 1 maggio festa di “San Giuseppe Lavoratore”. Nella storia del Primo Maggio non sono mancati, comunque, episodi oscuri e tragici. L’ 1 maggio 1947 a Portella della Ginestra, in Sicilia, una scarica di fucileria portò la morte in una manifestazione di lavoratori. Si disse che fu il bandito Giuliano, forse, o i ‘servizi segreti’, o gli ‘agrari’. Ad oltre settanta anni dai fatti il mistero è ancora fitto.

Primo Maggio, oggi…

La giornata di festa, comunque, non ci deve fare dimenticare che ancora oggi, soprattutto oggi, la quotidianità del lavoro non porta solo realizzazione umana e benessere nelle famiglie. Oltre 100 morti sul lavoro nei primi mesi del 2018 ci devono fare pensare, molto. Una veloce lettura dei giornali SOLO degli ultimi giorni ci parla di due operai morti a Treviglio, due a Livorno, due a Crotone. Non a caso notiamo che la geografia delle tragedie non presenta differenze: Nord, Centro e Sud d’Italia sono ugualmente colpite. Così sono parimenti colpiti i, cosiddetti, servitori dello Stato: due Vigili del Fuoco a Catania, un loro collega a San Donato Milanese, un sottufficiale elicotterista della Marina Militare in mare aperto.

primo maggio
É solo un breve elenco delle fatalità degli ultimi giorni ma si parla di oltre 13.000 morti sul lavoro negli ultimi dieci anni. Sono cifre imponenti che devono fare riflettere specialmente nella giornata dedicate al lavoro. Devono fare riflettere le Autorità Nazionali affinché rivedano i processi di formazione del personale e di controllo sulle politiche e le procedure di sicurezza. Devono fare riflettere le organizzazioni datoriali e sindacali che  troppo spesso mirano a dare e/o ottenere un lavoro ‘qualsiasi’ non un’ occupazione sicura e qualificante.

 Il concerto…

Il valore del concerto del Primo Maggio non deve essere solo nell’ascoltare della buona musica ma nell’impegno di tutte le componenti sociali a migliorare il lavoro nella quantità e nella qualità.

Giorgio Paoletti

Autore: Giorgio Paoletti

Sono un uomo curioso, un marinaio che ama leggere, scrivere e viaggiare.

Primo Maggio: Festa del Lavoro. Concerto, storia, attualità ultima modifica: 2018-05-01T09:30:22+00:00 da Giorgio Paoletti

Commenti