Archivio Luce online. Settantamila filmati in altissima definizione, cinegiornali, documentari, testimonianze storiche e fotografiche. Un tesoro che si racconta in milioni di metri di pellicola. Un immaginario straordinario a portata di clic che parla dell’Italia, della sua storia tra arte, politica e costume. I suoi personaggi come Federico Fellini, Claudia Cardinale e Monicelli. Gli avvenimenti come l’alluvione di Firenze, l’Italia del dopoguerra e il miracolo economico.

Archivio Luce online
Grafica rinnovata, un nuovo logo e tante novità

Archivio Luce online: il Novecento documentato

L’Istituto Luce-Cinecittà, società pubblica e braccio operativo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, apre il portale dell’Archivio Luce. Un sito finalmente aperto a tutti, rinnovato nella scelta grafica e con nuovo e intuitivo motore di ricerca. Un nuovo logo, morbido e circolare, simbolo calzante di un sito aperto a tutti. Un ventaglio di contenuti. Un’esplosione di tesori che vanno a ripercorrere un secolo di storia. Una meraviglia virtuale alla portata di un clic. Il paradiso per tutti gli amanti della settima arte, della fotografia, per tutti gli studenti e per gli addetti ai lavori. Suggestioni e immagini che prendono forma e che esondano dai loro argini spaziali, temporali e poetici.

Un universo costellato dai personaggi che si sono avvicendati durante il corso del Novecento. I registi, gli attori, le maestranze, i politici e gli scorci paesaggistici. Istantanee che documentano i cambiamenti storico-culturali del nostro Paese e che mostrano un’infinita geografia del sapere. Una carrellata di reportage da diverse parti del mondo (a riguardo da segnalare la visione di 500 nastri dedicati alla Russia). L’archivio storico dell’Istituto Luce è una miniera di raro valore, un patrimonio unico che non a caso nel 2013, con il Fondo Cinegiornali e Fotografie dell’Istituto Nazionale L.U.C.E., è entrato nel prestigioso Registro “Memory of the World” dell’UNESCO.

Archivio Luce online
La ricerca si fa più intuitiva!

Non solo archivio

Ogni reperto, peraltro, è correlato da informazioni minuziosamente dettagliate. I documenti riportano credits, info e soprattutto le date per avere una comprensione generale dei protagonisti e degli eventi narrati. È possibile addentrarsi nella ricerca per aree tematiche, selezionando macro-categorie in base ai propri interessi. Scoprire le curiosità che riguardano personalità del calibro di Scola, Bertolucci, Leone, Troisi, i Taviani e tanti altri. Si possono creare delle playlist ed è possibile salvarle in una cartella individuale. Si può scoprire, ad esempio, La Settimana Incom e i fondi di Folco Quilici, Mario Gianni e Mario Canale. Una fabbrica dei sogni che si trasforma in un viaggio multimediale, accessibile da qualsiasi dispositivo mobile.

Un bene comune che si snoda tra corti d’autore, attualità e nella nuova realtà redazionale con l’introduzione della tematica del giorno. Aggiornamenti, foto, video e cronaca attuale che si arricchisce di contenuti attingendo al passato. L’archivio Luce online implementa una timeline che segnala eventi, personaggi e anniversari. Inserisce, inoltre, dei mini-doc; produzioni originali della durata di 8-10 minuti dell’Istituto Luce che si avvalgono dei filmati dell’archivio e di nuove riprese. Proiezioni settimanali e in particolare la sezione “Polvere d’Archivio”, commistione di raffinatezze di repertorio. In aggiunta a tutte queste novità, notevoli ed importantissimi sviluppi si potranno creare anche grazie all’attesa partnership tra l’Istituto Luce e le Teche Rai. Una magia senza fine.

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Mi chiamano Chinaski e come il Perozzi di Amici miei, ho quasi dimenticato che il mio nome è Cristina. Ho una passione viscerale per il cinema e per la musica, colleziono vinili e oltre i libri leggo parecchi fumetti. Amo i gatti (nomen omen). Cos’altro aggiungere? Non pedalo perché non ho voluto la bicicletta, sono irriverente, sempre pronta alla battuta, dotata di autoironia (l’altezza l’avevano terminata) e come Luciano Bianciardi spesso mi domando “chissà se riuscirò a trovare la strada di Itaca, un giorno?”

Archivio Luce online: un viaggio nel ‘900 a portata di clic ultima modifica: 2018-04-26T09:30:49+00:00 da Cristina Gatto

Commenti