Imprenditrice, stilista ma soprattutto mamma come lei stessa si definisce. Da qualche anno, prima divulgatrice dell’opera e del genio artistico del suo grande papà: Carlo Rambaldi, il mago degli effetti speciali del cinema mondiale. Due matrimoni e cinque figli, Daniela Rambaldi vive tra l’Italia e gli Stati Uniti. È nata a Roma dove ha vissuto la prima infanzia e poi con i suoi fratelli e i suoi genitori si è trasferita a Los Angeles.

rambaldi - primo oscar

Da Los Angeles alla Calabria

L’amore l’ha portata a vivere a Lamezia Terme, la cittadina calabrese dove si è stabilita insieme alla sua nuova famiglia e ai suoi genitori. Per lavoro viaggia continuamente e mantiene i rapporti con gli Usa e con Los Angeles in particolare. A Lamezia, Carlo Rambaldi ha trascorso gli ultimi nove anni della sua vita fino al 10 agosto del 2012, quando tutta la comunità internazionale ha pianto la scomparsa di un artista geniale.

Rambaldi daniela

“Negli Usa ho vissuto gran parte della mia vita ma sento molto le radici calabresi – afferma Daniela Rambaldi – L’America mi piace perché puoi uscire anche in pigiama e non gliene importa niente a nessuno. Puoi fare quello che vuoi a qualsiasi ora. Amo la Calabria perchè ho trovato un clima simile a quello della California. Mare, natura e tante potenzialità ancora inespresse. Davvero questa terra può dare tanto”. Dopo la morte del papà, Daniela, suo fratello Victor e sua madre Bruna Basso hanno istituito la fondazione che porta il nome del tre volte Premio Oscar. L’obiettivo è quello di preservare e divulgare soprattutto alle nuove generazioni il patrimonio artistico lasciato da Carlo Rambaldi.

Il ‘tesoro’ di Carlo Rambaldi

Dopo 61 film realizzati in Italia e dopo aver lavorato con Dario Argento, Pasolini e tanti altri grandi autori, Rambaldi è arrivato ad Hollywood. Nel 1975 Dino de Laurentis lo ha chiamato per il primo film su King Kong. Da lì è partita una carriera inarrestabile suggellata dai tre Oscar per King Kong, Alien ed E.T. Sempre al suo fianco la moglie Bruna: straordinaria compagna di vita e manager perfetta che, con costanza e sobrietà, ha saputo mantenere le pubbliche relazioni col difficile mondo dello star sistem.

rambaldi - king kong

“Papà ha sigillato il suo lavoro in cento casse di legno: un vero tesoro! Nel settembre 2019 apriremo il museo a lui dedicato nella sua città natale Vigarano Mainarda, in Emilia Romagna. Oltre all’esposizione permanente – spiega Daniela Rambaldi – organizzeremo corsi formativi perché molti giovani possano apprendere l’arte dei mestieri dietro le quinte”. “Da quando mio padre non c’è più – racconta Daniela Rambaldi – cerco di intrappolare i ricordi nella mia memoria e nel mio cuore. Li raccoglierò e li fisserò in un libro”. La Fondazione “Carlo Rambaldi”, attualmente presieduta da Victor Rambaldi, ha tra i suoi obiettivi anche la solidarietà.

Arte e solidarietà

“Mio padre faceva tanta solidarietà ma sempre con grande riservatezza – evidenzia la figlia dell’artista – Noi stiamo seguendo il suo esempio organizzando eventi di diverso tipo e anche delle master class”. Il 10 agosto di ogni anno, per ricordare la scomparsa del mago degli effetti speciali, la fondazione organizza “ E.T. sotto le stelle – Premio Carlo Rambaldi”.

rambaldi - et sotto le stelle

È un evento con cui vengono premiati personalità illustri che si sono distinte nei vari campi professionali. L’iniziativa ha anche uno scopo benefico: i fondi che vengono raccolti sono destinati di volta in volta a realtà e situazioni da sostenere sul piano socio-culturale.

Millenium

A Rambaldi è stata riconosciuta anche la “Walk of fame” e presto sarà posta una stella a ricordo del grande artista sull’Hollywood Boulevard. Victor e Daniela Rambaldi figli del Premio Oscar, insieme a Giuseppe Lombardi componente della Fondazione e a Marcello Baretta, esperto di cinema e di effetti speciali, continueranno a promuovere l’estro e la creatività dell’artista emiliano.

Rambaldi extraterrestre

Mostre itineranti, laboratori, workshop, iniziative benefiche, scuole di cinema, un caleidoscopio di idee che diventeranno progetti concreti per i giovani in particolare. Fra questi c’è anche Millenium, il ‘sogno’ di realizzare un grande parco divertimenti, a metà tra Disneyland e Cinecittà. “È un progetto a cui stiamo pensando da tanto tempo – rivela Daniela Rambaldi – anche questa era un’idea di mio padre. Faremo di tutto per realizzarla, proprio qui in Calabria. Porterà lavoro e anche tanta felicità”.

Daniela Rambaldi: “Mio padre, un maestro per le giovani generazioni” ultima modifica: 2018-12-05T09:00:00+00:00 da Maria Scaramuzzino

Commenti