notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Venerdì primo novembre ore 22:30 il Castello di Sorci apre al pubblico per una visita guidata in notturna. Amos Cartabia come Cicerone racconta i segreti di quelle antiche mura.

visita notturna al castello di Sorci
Il primo novembre dalle ore 22:30 si visita il castello di notte. Foto di una visita notturna al castello scattata da Amos Cartabia

Esiste veramente il fantasma del castello?

Amos Cartabia è autore di libri sul Castello di Sorci e sui suoi fantasmi. Parlandomi della sua esperienza come guida notturna alle visite guidate nel castello dice che non crede ai fantasmi. D’altra parte Cartabia si è trovato casualmente coinvolto in tutta la storia che coinvolge il fantastico Castello di Sorci e le sue vicende. In ogni caso sono ormai 17 anni che frequenta il castello. All’inizio seguiva Primetto Barelli, colui che ha acquistato il maniero. Con lui si era costruito un rapporto come padre e figlio quasi. Oggi invece, la struttura è gestita dai tre figli, Alessandro, Alberto e Veronica. A dire la verità c’è sempre un gran lavoro al castello, oltre a gestire la leggenda del fantasma. C’è da doversi occupare della Locanda che è quella struttura, antichissima, che già al tempo di Baldaccio serviva come cambio cavalli e taverna.

Qualcosa di strano accade al castello dopo il tramonto

Veniamo alla storia dei fantasmi o presenze o energia. Quello che l’autore mi può confermare è che accadono cose particolari e a volte anche forti all’interno. Cartabia  parla della sua esperienza come conoscitore e guida del Castello di Sorci. Conoscendo la struttura, anche i suoi passaggi segreti e i muri finti, Cartabia riesce a riconoscere i suoni. Infatti è capace di capire quando qualche rumore è naturale e quando invece è qualcosa di inspiegabile. Allora ho chiesto se ne capitano di cose inspiegabili. La risposta è affermativa. Ne capitano parecchie, cose che vanno dai più semplici rumori nei muri o battiti contro le pareti a cose più significative. Cartabia parla di cose come urla e gente che sembra correre nei saloni. Ugualmente si sono manifestazioni come le immagini che hanno raccolto nel tempo. Immagini che allo stesso modo vengono mostrate quando si fa l’apertura notturna della struttura.

Durante la visita al castello prove inquietanti vi saranno svelate

Una delle immagini più forti, mostrate sino allo scorso mese, è quella in visione ultravioletti e infrarossi nella camera di Baldaccio. In questa foto, infatti, appare un frammento con una forma di un qualcosa che sembra un uomo sdraiato sul letto. Cartabia ammette ugualmente come i fenomeni sono aumentati dopo la morte di Primetto. Attualmente ne capitano parecchi durante tutta la giornata. Secondo esperti ghostbuster ci sono fenomeni lievi e impercettibili al turista. Come avviene per il terremoto, ci sono micro scosse impercettibili, poi improvvisamente una o due di elevata potenza. D’altra parte sono queste manifestazioni più forti che vengono sentite e mettono paura.

fotografie del fantasma
In occasione della visita guidata del primo novembre, verranno mostrate le ultime immagini che rivelano una presenza nel castello. Immagine presa dal profilo Facebook di Amos Cartabia

L’ultima, avvenuta a settembre di questo anno e registrata, sarà mostrata la sera del 1 novembre durante un’apertura del Castello. Amos Cartabia ammette che per lui che ci dorme al Castello si tratta di un’immagine veramente inquietante. Allo stesso modo, per gli esperti di fenomeni è un qualcosa di importantissimo. Si tratta di una immagine nitida riflessa nello specchio della sala rosa, la sala nobile ai piani superiori.

Angelo Franchitto

Autore: Angelo Franchitto

Laureato in Scienze dell’educazione e della formazione, da 5 anni mi occupo di scrivere articoli sociali, sono impegnato nel campo del volontariato, scuola e formazione. Gestisco una pagina social su Facebook nella quale parlo del volontariato a Cassino, giovani, iniziative sociali, Servizio Civile. Grazie a itCassino desidero ampliare i miei canali di comunicazione e parlare della realtà sociale, culturale e storica del mio territorio.
Amos Cartabia racconta il fantasma di Sorci ultima modifica: 2019-11-01T14:30:47+01:00 da Angelo Franchitto

Commenti