Il Dott. Berrino ha 73 anni, ha i capelli bianchi e il viso magro. I suoi occhi e il suo sorriso trasmettono un senso paterno, mettono a proprio agio e appartengono a un uomo infaticabile. Franco Berrino è un medico epidemiologo che da anni studia e si impegna nella campagna di prevenzione contro i tumori. Il suo lavoro è iniziato più di quarant’anni fa, quando nel 1975 cominciò a lavorare all’istituto Nazionale dei tumori di Milano. Oggi, grazie anche all’associazione La Grande Via fondata con Enrica Bortolazzi, continua a prendersi cura degli italiani attraverso cicli di conferenze, interviste e ovviamente i suoi progetti di ricerca.

Secondo il Dott. Berrino il benessere inizia a tavola

Essenzialmente, il lavoro del Dott. Berrino si riassume così: un’alimentazione corretta è fondamentale per la salute dell’uomo e per evitare l’insorgere del cancro. Abbiamo già parlato precedentemente del cibo come alleato della salute, e il Dott. Berrino ci spiega che bastano poche semplici regole per raggiungere uno stile di vita sano e consapevole. Il suo occhio clinico ci aiuta a evitare i nemici a tavola in libri come Alimentare il benessere. Come prevenire il cancro a tavola (Milano, Franco Angeli, 2010), Il cibo dell’uomo. La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze (Milano, Franco Angeli, 2015) e La grande via. Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa con Luigi Fontana (Milano, Mondadori, 2017).

Un ritorno al passato

Il modello di riferimento è la dieta mediterranea “del contadino di una volta” in cui prevalgono i prodotti di origine vegetale: i cereali integrali, i legumi, le verdure e la frutta di stagione. È importante infatti diminuire nella nostra alimentazione le carni rosse e gli insaccati, così come i latticini. Una tendenza che sta già prendendo piede in Italia, grazie al considerevole aumento dei vegetariani e dei vegani. Inoltre, una buona abitudine è evitare i cibi raffinati come lo zucchero e la farina 00, che il Dott. Berrino definisce “il più grande veleno della nostra alimentazione”. Anche i prodotti commerciali (biscotti, merendine e snack salati confezionati) sono da abolire, iniziando dai distributori nelle scuole. Sono infatti ricchi di ingredienti di dubbia qualità e ad alto tasso glicemico, oltre che di conservanti e sale. Ecco perché è importante leggere bene le etichette.

Verdura di stagione

In cucina con il biologico

Berrino invita gli italiani a tornare in cucina, a essere responsabili e coscienti della propria alimentazione. Suggerisce alcune ricette semplici e salutari, utilizzando prodotti di stagione e biologici. Perché il biologico? Per evitare i veleni della nuova agricoltura, ma anche per nutrirsi rispettando il pianeta. Attenzione però alla speculazione. Alcuni prodotti come il latte di riso, venduti a prezzi esorbitanti (e talvolta con l’aggiunta di zucchero), sono facilmente riproducibili a casa.

Orto e frutteto biologico

Un impegno internazionale

Il Dott. Berrino è un esperto a livello internazionale. Ha collaborato con le sue ricerche a diversi studi del settore pubblicati dal World Cancer Research Fund. Inoltre, è coordinatore del Progetto EUROCARE sulla sopravvivenza dei malati di tumore in Europa.

DIANA: la prevenzione rosa

Tra le varie iniziative del Dott. Berrino, è da citare il progetto DIANA condotto insieme alla Dott.ssa Anna Villarini, per la prevenzione del cancro al seno. Questo progetto è nato nel 2008 e nel giro di 4 anni ha reclutato più di 2000 donne che hanno curato il cancro al seno, convincendole a cambiare il loro stile di vita. Hanno scelto un’alimentazione corretta e basata su sapori semplici e a praticare quotidianamente attività fisica. I risultati hanno confermato la diminuzione della ricomparsa del tumore e anche un miglioramento generale delle condizioni di salute. L’alimentazione e l’esercizio fisico giocano un ruolo decisivo. Scongiurano infatti la formazione o il ripristino di nuove forme tumorali permettendo al nostro organismo di creare un “terreno” inadatto e infertile per lo sviluppo della malattia.

Correre all'aria aperta
Bastano trenta minuti di attività fisica quotidiana per sentirsi in forma e vivere meglio.

Il cancro è una malattia silenziosa, invisibile, ma violenta. Lo sanno bene tutte quelle persone che di questo male soffrono, hanno sofferto o hanno visto soffrire. Il lavoro di medici italiani come Franco Berrino, ci aiuta a prevenire la comparsa dei tumori, per non dover poi combattere e conoscere il dolore che provocano. Bastano poche semplici regole per migliorare il nostro stile di vita, rispettare la nostra salute e il nostro corpo. Le nostre scelte sono importanti, questo il vero messaggio che il Dott. Berrino vuole trasmetterci la prossima volta che faremo la spesa, apriremo il frigorifero o ci metteremo a tavola con la nostra famiglia e i nostri amici.

Giulia De Conto

Autore: Giulia De Conto

Laurea in Filologia Moderna all’Università di Padova, insegnante e interprete per eventi sportivi, vivo tra il Veneto e le Marche. Sono una viaggiatrice inarrestabile del mondo e della vita, dei quali amo raccogliere ogni singolo aspetto con la penna e la fotografia. A cosa non so resistere? Al cioccolato e a scatenarmi sulle note di una bella canzone! @giuliaofcount

Il Dottor Berrino e l’alimentazione che scaccia il cancro ultima modifica: 2018-03-26T08:30:30+00:00 da Giulia De Conto

Commenti