Oggi voglio partire da un sillogismo la caponata siciliana, la vera, unica, originale è solo fritta! Le verdure vengono fritte singolarmente, scolate, unite, vengono aggiunti i pinoli, l’uvetta, viene preparato un sughetto stretto di pomodoro ed infine l’agrodolce, tutto il resto non è caponata.
Oggi la ricetta per preparare una vera caponata senza badare alle calorie, ma con tutto il vero gusto di una ricetta siciliana.

Tempo di realizzazione: 2 ore + 5 ore riposo
Grado di difficoltà (da 1 a 5): 2

Ingredienti

2 melanzane grandi
3 peperoni
2 gambi di sedano
1 patata
30 g di pinoli
6 olive nere se gradite
50 g di uvetta ammollata
60 g di agrodolce (30 g di aceto rosso e 30 g di zucchero)
q.b. di sale
½ gambo di sedano
1 di cipollina fresca
½ carota
50 g di passata di pomodoro
20 g di olio evo

Caponata siciliana fritta e ingredienti principali

Procedimento per realizzare la Caponata siciliana fritta

Pulire le melanzane tagliare a tocchetti e friggere olio di semi con un pizzico di sale in una capace padella, solare a fine cottura in uno scolapasta per far fuoriuscire l’eccesso di unto. Tagliate i peperoni a tocchetti e friggere olio di semi con un pizzico di sale in una capace padella, solare a fine cottura in uno scolapasta per far fuoriuscire l’eccesso di unto. Friggere anche la patata a tocchetti olio di semi con un pizzico di sale in una capace padella, solare a fine cottura in uno scolapasta per far fuoriuscire l’eccesso di unto. Friggere in ultimo il sedano con la stessa procedura. Far scolare per un paio di ore.

Sughetto
Preparare un trito fine con sedano, carota e cipollina far imbiondire in un padellino aggiungere la passata, preferibilmente di ciliegino.

piatto con Caponata siciliana fritta

Agrodolce
Mescolare energicamente aceto e zucchero

Assemblamento
Nella padella unire il sughetto di pomodorini aggiungere tutte le verdure fritte e ben scolate, l’uvetta ammollata, i pinoli, se piacciono le olive nere, spadellare abbondantemente a fuoco vivace inserendo l’agrodolce ultimo qualche foglia di basilico. Far riposare per qualche ora, meglio ancora il giorno prima d’essere servita.
La ricetta è stata realizzata da Antonella Audino.

Marco Spetti

Autore: Marco Spetti

Ma chi è Marco Spetti? Un appassionato di gastronomia che un bel giorno ha deciso di fondare un gruppo su Facebook, insieme alla sua amica Maria Antonella Calopresti, che porta il titolo di “Quelli che… non solo dolci”, un gruppo nato 2 anni fa e che oggi conta più di 30.000 iscritti. Un gruppo dove si condividono ricette, esperienze ed esperimenti il tutto in un clima goliardico. Vanta collaborazioni con importanti riviste di pasticceria.
Caponata siciliana fritta ultima modifica: 2019-07-10T09:00:21+02:00 da Marco Spetti
Lascia il tuo voto:
recipe image
Nome Ricetta
Caponata siciliana fritta
Nome Autore
Pubblicato il
Tempo Totale

Commenti