Grotta della poesia è uno degli angoli più belli d’Italia. Una meravigliosa piscina naturale nella località di Roca Vecchia, tratto di costa delle Marine di Melendugno. Un luogo da sogno nel Salento, nella splendida Puglia. Qui, la bellezza naturale si accompagna al fascino della storia e della leggenda.

Grotta della poesia, tra fascino e mistero

La grotta della poesia, dal 1983, grazie all’archeologo Cosimo Pagliara, ha suscitato l’interesse generale; a partire dagli archeologi, storici, appassionati di tradizioni e di folclore, amanti di poesie dell’antica Grecia e dell’antica Roma fino ai semplici curiosi e turisti. Al suo interno, infatti, sono state scoperte delle iscrizioni messapiche, ma anche greche e latine, che hanno fatto risalire la grotta ad un luogo di culto del dio Taotor (o TatorTeotor, o Tootor). È stata inserita tra le dieci piscine naturali più belle del mondo e il suo nome deriva da “posia“, termine greco del Medioevo che significa “sorgente d’acqua dolce“, riferimento alla fonte che in passato scorreva al suo interno, i cui segni sono tuttora visibili.

Melendugno
Roca Vecchia, Puglia. Grotta della Poesia. Foto di Palickap

Le due poesie

In realtà le grotte sono due, la Poesia grande e la piccola. Sono di natura carsica e distano l’una con l’altra all’incirca sessanta metri. La grande è un magnifico specchio d’acqua cristallina che va dal blu cobalto al verde smeraldo e si riversa in mare sul versante meridionale. Sul fondo, invece, la grande si collega alla piccola grazie ad un cunicolo. La poesia piccola è decisamente più selvaggia, nascosta e di difficile accesso. Una storia racconta di una nobildonna che rispondeva al nome di Isabella. La signora era solita trascorrere il suo tempo libero presso questo piccolo angolo di paradiso dedicandosi alla pesca.

Torre di Roca Vecchia
Roca Vecchia, Torre. Foto di Psymark

La leggenda della bellissima principessa

Un’antica leggenda racconta di una principessa che amava nuotare in queste acque incontaminate. La sua bellezza folgorava così tanto gli abitanti che la notizia si diffuse a macchia d’olio. Poeti e viandanti, provenienti da ogni angolo del Sud Italia, si recavano presso la Grotta della poesia per lasciarsi affascinare dallo spettacolo della piscina naturale e dalla bellezza della giovane. Pagine e pagine di poesia venivano vergate ispirandosi alla principessa, tra liriche dedicate a ninfee, principesse orientali e regine del nord.

Grotta della poesia
Roca Nuova, foto di Psymark

Come raggiungere la Grotta della poesia e alcune indicazioni

La Grotta della poesia si trova a Roca Vecchiafrazione di Melendugno. La località fa parte della provincia di Lecce e dista 20 chilometri da Otranto. Da Lecce, Roca Vecchia dista circa 25 km ed è raggiungibile in auto grazie alle strade provinciali 1 e la 145 in direzione Roca Vecchia. Da Otranto, invece, bastano 25 minuti percorrendo la strada provinciale 136. Grotta della poesia è un luogo romantico, ma anche una meta di tuffi. Grazie alle differenti altezze è apprezzatissimo dagli autoctoni e dai turisti che possono divertirsi ed esercitarsi in entusiasmanti gare di tuffi e rilassanti nuotate. Una curiosità: continuando a percorrere la strada che collega Torre dell’Orso a Melendugno, è possibile lasciarsi incantare da un vecchio villaggio disabitato che si chiama Roca Nuova. In questo luogo il tempo sembra essersi fermato due secoli fa.

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Mi chiamano Chinaski e come il Perozzi di Amici miei, ho quasi dimenticato che il mio nome è Cristina. Ho una passione viscerale per il cinema e per la musica, colleziono vinili e oltre i libri leggo parecchi fumetti. Amo i gatti (nomen omen). Cos’altro aggiungere? Non pedalo perché non ho voluto la bicicletta, sono irriverente, sempre pronta alla battuta, dotata di autoironia (l’altezza l’avevano terminata) e come Luciano Bianciardi spesso mi domando “chissà se riuscirò a trovare la strada di Itaca, un giorno?”

Grotta della poesia di Melendugno: uno degli angoli più belli d’Italia ultima modifica: 2018-08-16T09:00:31+00:00 da Cristina Gatto

Commenti