Il matusalemme arboreo più antico del vecchio continente si trova proprio in Italia, più precisamente nel Parco Nazionale del Pollino. Le coordinate precise, però, non sono ancora state rivelate; si sa che si trova a 2000 metri di altezza.
Si tratta di un pino loricato i cui semi finirono nel terreno del Parco del Pollino ben 1230 anni fa. Iniziò a germogliare nell’ottavo secolo e da allora non ha mai smesso di crescere. Anche oggi, con dodici secoli d’età, l’albero continua a svilupparsi.

Com’è stata rilevata l’età dell’albero più vecchio d’Europa

La datazione precisa dell’avo di tutti gli alberi europei è stata possibile grazie a nuove tecnologie. In particolare, i ricercatori, alla guida del dottor Gianluca Piovesan dell’Università della Tuscia, hanno messo a punto una tecnica innovativa, i cui risultati sono stati pubblicati lo scorso anno su Ecology: Ecological Society of America. Hanno combinato la dendrocronologia (un metodo di datazione che correla la crescita annuale di alberi plurisecolari con fattori climatici) e la datazione al radiocarbonio. Questa scoperta ha dimostrato che alcuni vegetali sono in grado di adattarsi a cambiamenti climatici molto estremi. E lo studio del tronco e della sua crescita può aiutare a capire come la flora risponde ai mutamenti. Inoltre, analizzare gli alberi plurisecolari serve anche a prevedere quale impatto ha, per esempio, il riscaldamento globale sugli ecosistemi.

albero più vecchio, il pino del Pollino
Si chiama Italus ed è l’albero più vecchio d’Europa

Il nome

La squadra, dopo aver stabilito l’età del pino loricato, lo ha anche battezzato con un nome tutto italiano. Si chiama Italus, in onore del re di Enotria che governò l’area del sud Italia in un periodo che abbracciava l’età del bronzo e del ferro. Italus nacque in Italia ma un millennio prima dell’Italia stessa. Ha vissuto il medioevo, il risorgimento e il barocco. Ha assistito all’unità d’Italia e alle due guerre mondiali. C’era quando l’attuale Italia aveva un sistema feudale, quando era una Monarchia e quando diventò una Repubblica. E chissà in quante altre epoche storiche sarà presente. Ci auguriamo il più a lungo possibile.

I coetanei dell’albero più vecchio d’Europa

Il secondo albero più vecchio del vecchio continente è sempre un pino che si trova, però, nel nord della Grecia. Ha circa 1075 anni e fu scoperto dal professor Oliver Konter dell’Università di Mainz. Fino a prima della scoperta di Italus e dell’introduzione delle nuove tecnologie si credeva che l’albero più datato d’Europa fosse un olivo sardo. Si ipotizzò che avesse, addirittura, 4000 anni.

albero più antico: gli ulivi di Gerusalemme al terzo posto
Gli ulivi del giardino dei Getsemani

Ma studi successivi basati particolarmente sul radiocarbonio, molto più affidabile del conteggio dei cerchi quasi impossibile sul tronco degli ulivi spesso cupi all’interno, ha smontato quest’ipotesi. La tecnica del radiocarbonio l’ha utilizzata il dottor Mauro Bernabei sugli ulivi più antichi del mondo: gli ulivi del giardino dei Getsemani, a Gerusalemme. Lì ha individuato delle piante con circa 1100 anni d’età.

Serena Villella

Autore: Serena Villella

Serena di nome e di fatto. Appassionata e paziente. Una laurea triennale in Lingue Moderne e una specialistica in Interpretariato e Mediazione Interculturale. Amante della vita e irrimediabile sognatrice. “Vedo orizzonti dove gli altri disegnano confini”.
Lo sapevi che l’albero più vecchio d’Europa si trova in Italia? ultima modifica: 2019-05-25T09:00:29+02:00 da Serena Villella

Commenti