Tresigallo, in provincia di Ferrara, è un piccolo gioiello dell’ architettura razionalista. Nel 2004 la Regione Emilia Romagna la elesse a “Citta’ d’Arte”. Rimane, però, un gioiello ancora poco conosciuto. Dall’ 1 gennaio 2019 si fonde con il comune di Formignana e dà luogo al nuovo comune di Tresignana. Incontriamo l’ultimo sindaco di Tresigallo, Andrea Brancaleoni, ed i giovani dell’associazione “Torri di Marmo”, appassionati delle caratteristiche della propria cittadina. Formuliamo loro alcune domande.

Si parla della vostra città anche in cronache medievali, ma la vera trasformazione che la rende  unica ha luogo negli anni ’30 del XX secolo. Chi furono i progettisti che pensarono alla città metafisica?

Torri di Marmo: la moderna Tresigallo nasce per volontà di Edmondo Rossoni, tresigallese, all’epoca Ministro dell’Agricoltura. Il realizzatore fattivo delle opera è l’ing. Carlo Frighi, conterraneo del Ministro, urbanista de ‘La Sapienza’ di Roma. I due realizzano il futuro sviluppo della cittadina tracciando le linee organizzative ed urbanistiche estremamente precise. L’operazione di trasformazione della cittadina e del territorio avviene attraverso la partecipazione della gente del posto, la quale collabora e partecipa attivamente alla trasformazione del proprio territorio.

Scuole Elementari di Tresigallo
credit: associazione Torri di Marmo

Brancaleoni, ci parli del suo primo giorno da Sindaco di una Città d’Arte

Il mio primo giorno da Sindaco della mia Tresigallo fu un misto di emozioni, incredulità e smarrimento. Ero dirigente d’azienda e mi trovavo per la prima volta ad affrontare il difficile compito di amministrare la cosa pubblica. Questo compito lo dovevo svolgere al mio paese, a casa mia.

La vostra bella città è poco conosciuta nonostante la sua particolare urbanistica. Cosa fanno gli enti pubblici e privati per diffondere la conoscenza di Tresigallo ?

Brancaleoni: Tresigallo è poco conosciuta perchè sconta un pregiudizio storico che non discerne il grande valore archietettonico, urbanistico ed artistico che caratterizza ogni angolo della nostra cittadina. Tresigallo è emblematico di quello che è l’ultimo stile architettonico italiano esportato nel mondo: il razionalismo. La nostra amministrazione ha puntato tutto sul rilancio dell’immagine del paese e, in collaborazione con l’associazione Torri di Marmo, ha coniato il brand “Tresigallo La Città Metafisica”. Ha organizzato molti eventi culturali in grado di attrarre un turismo qualificato. Ha portato Tresigallo, la sua storia, la sua architettura da Roma a Pescara, all’Università di Cambridge, fino a partecipare alla BIT di Milano. Abbiamo lavorato anche all’interno del paese attivando progetti di conoscenza con le scuole primarie e medie.

Edificio di Tresigallo chiamato Sogni

Torri di Marmo: nella promozione di Tresigallo – La Città Metafisica utilizziamo i social network ed il nostro sito internet. Abbiamo creato il ‘tour ideale’ per poter visitare e capire appieno il progetto razionalista di Tresigallo. Offriamo questo tour su prenotazione con la presenza di un nostro associate preparato per mostrare al meglio la cittadina nella sua completezza ed evoluzione dalla nascita ad oggi. Organizziamo ogni anno le “Giornate Metafisiche”, un evento in forte crescita che si tiene alla fine di settembre. Constano di convegni, passeggiate architettoniche, visite a luoghi generalmente chiusi al pubblico (l’ex ospedale Boeri). Si appresta un’estemporanea artistica per pittori e fotografi.

Quali sono gli edifici più caratteristici in stile ‘razionalista’?

Torri di Marmo: a Tresigallo vi sono edifici iconici che sono diventati più conosciuti perchè forse più fotogenici. Pensiamo a “I Sogni” (un tempo erano i bagni pubblici), a l’ex Casa del Fascio, alla Casa della Cultura. Una volta immersi nel panorama della cittadina, però, è quasi impossibile dire quali edifici siano più caratteristici proprio perchè e’ l’intera compagine urbana che valorizza i singoli palazzi e li rende dei punti di interesse. L’intera trama viaria ed il tessuto urbano sono la peculiare caratteristica del razionalismo a misura d’uomo che ha trovato in Tresigallo uno degli esempi di più completa espressione. È impossibile scindere il disegno degli spazi urbani, vere e proprie stanze all’aperto definite dalle facciate circostanti, dai singoli edifici che compongono l’insediamento. La risposta a questa domanda potrebbe essere: “il risultato complessivo è molto più grande rispetto alla somma dei singoli contributi”.

Tresigallo - Casa della Cultura

Quali sono le strutture ricettive di Tresigallo ?

Brancaleoni: le strutture sono un nostro gap. Non è stato ancora recepito il grande potenziale turistico di Tresigallo: siamo tra Ferrara e Comacchio, vicino al Delta del Po, a Ravenna, a Bologna ed a Padova. Abbiamo un paio di valide strutture: L’ Antica Trattoria e La Lanterna.

Nel 2019 Tresigallo diventa parte del comune di Tresignana. Non ci sono pericoli che la particolarità del tessuto urbano venga ‘annacquata’ in un comune più grande?

Brancaleoni: la fusione con Formignana in Tresignana non rappresenta un pericolo, ma un’opportunità. I due territori erano già fusi fino al 1961. Sono complementari con vocazioni differenti. Formignana è più industriale ed artigianale, Tresigallo più turistica e culturale. Tresigallo continuerà a rappresentare un unicum nel panorama artistico, architettonico, urbanistico e culturale a livello nazionale.

Giorgio Paoletti

Autore: Giorgio Paoletti

Sono un uomo curioso, un marinaio che ama leggere, scrivere e viaggiare.

Tresigallo: la Città Metafisica ultima modifica: 2019-03-18T09:00:07+02:00 da Giorgio Paoletti

Commenti