L’Italia, in tutto il suo splendore, è di certo l’emblema del cinema d’autore. Basti pensare alla classica scena della fontana di Trevi, dove la bellissima e voluttuosa Anita Ekberg invitava Marcello Matroianni a fare un bel bagno ristoratore! I più grandi registi del mondo l’hanno scelta come meta per le loro opere migliori, e moltissimi vi sono nati. Non stupisce pensare, quindi, che proprio in Italia abbiano luogo diversi festival dedicati alla settima arte. Non tutti conosceranno, ad esempio, il Festival del Cinema di Marzamemi, giunto alla sua XVIII edizione!

Marzamemi e le sue bellezze: il cinema e non solo…

La ridente Marzamemi, piccola frazione del comune di Pachino, è situata a 20 km da Noto, capitale del barocco. Questo luogo, in provincia di Siracusa, conserva tutta la ricchezza della Sicilia. Il sole e il mare rendono Marzamemi un piccolo angolo di Paradiso, famoso non solo per il Festival del cinema di Frontiera. Il soleggiato borgo è nato attorno all’approdo, poi divenuto porto da pesca, l’attività principale di sostentamento dell’area. Questa viene praticata tuttora, grazie all’ausilio di una Tonnara, che figura tra le più importanti della Sicilia. La tonnara di Marzamemi risale al tempo della dominazione spagnola in Sicilia, durante il regno di Filippo IV. Nel 1655 questa fu acquistata dal barone Simone Calascibetta. Nel 1752 vennero terminati i lavori dai baroni Calascibetta, sia del palazzo che della chiesa e della tonnara. Oltretutto, la vicina Pachino ebbe un forte impulso produttivo, che interessò anche Marzamemi.

festival del cinema di Marzamemi - La splendida spiaggia di San Lorenzo, a Marzamemi
La splendida spiaggia di San Lorenzo, a Marzamemi

Vennero costruiti dei magazzini che si trovano lungo la via principale, e che servivano per custodire sia le botti di vino (da spedire via mare in Liguria e in Francia), sia le oltre trecentomila tonnellate di sale, prodotte dalle due saline di Morghella e Marzamemi. Verso la fine dell’800 Antonio Starrabba, marchese Di Rudinì, fece costruire un grande palmento, mentre i Villadorata realizzarono un mulino a vapore, che fu poi convertito in distilleria. Le attività della zona furono sempre molto prolifiche, ed incentrate sulla pesca, fin quando non ebbe un’impennata il settore turistico. Con le sue spiagge caraibiche, bianche e con il mare cristallino, Marzamemi incanta anche il visitatore più esperto. Grazie proprio alla sua avvenenza naturale e genuina, Marzamemi ha conquistato anche diversi e importanti registi. Questi l’hanno scelta per fare da sfondo alle loro storie…di celluloide.

Il Festival alternativo: il cinema di Marzamemi è un cinema di frontiera

La bella Marzamemi è stata location di diverse pellicole più o meno famose. Nel 1993 il borgo storico è stato scelto da Gabriele Salvatores per il film Sud, con gli attori Silvio Orlando, Claudio Bisio e Francesca Neri. Alcune scene del film Kaos, dei fratelli Taviani, sono state realizzate qui, nonché L’uomo delle stelle, di Giuseppe Tornatore. Insomma, pare proprio che il destino di Marzamemi sia legato al cinema, ed infatti quest’anno ricorre la XVIII Edizione del Festival del Cinema di Frontiera di Marzamemi. Le date da non perdere vanno dal 12 al 15 settembre 2018, e ci saranno moltissime novità! Al timone ci sarà il regista Nello Correale, ideatore e direttore artistico, che sarà ancora affiancato dall’illustre critico cinematografico Sebastiano Gesù.

festival del cinema di Marzamemi - Veduta aerea dell'assolata Marzamemi
Veduta aerea dell’assolata Marzamemi

Perché celebrare un cinema di frontiera? Beh, perché questo è ciò che consente di presentare un cinema indipendente, interculturale, attento ai temi delle frontiere e dei confini, sia artistici che culturali. Confrontarsi e perdersi nella diversità, e imparare da questa: quale mantra migliore di questo? All’interno della manifestazione si avranno poi un concorso internazionale di lungometraggi ed uno di cortometraggi. Vi sarà poi una rassegna di cinema e musica, oltre che una di documentari. Che aspettate? Non perdetevi le gioie e i colori di Marzamemi, e superate le frontiere, per godere di un cinema senza confini!

Marcella Calascibetta

Autore: Marcella Calascibetta

Scrivo dall’età di sedici anni, e (per fortuna) non ho mai smesso. Sono laureata con orgoglio alla Federico II di Napoli, città che amo e che mi diede i natali. Con mia grande gioia, ho avuto la possibilità di veder pubblicato il mio primo romanzo, dopo tanti anni che era rimasto segregato in un cassetto. Una frase che mi rispecchia? I sogni migliori si fanno da svegli!

Il cinema di frontiera: Marzamemi e il suo spettacolare festival ultima modifica: 2018-07-17T09:00:25+00:00 da Marcella Calascibetta

Commenti