Polpettine in agrodolce alla siciliana

Antonella Audino

primo piano di Antonella Audino

Dici agrodolce e pensi alla Sicilia, infatti l’agrodolce è l’ingrediente fondamentale in tante ricette della tradizione e mentre ai giorni nostri è solo un “gusto” nei tempi antichi quando non si avevano a disposizione frigoriferi e refrigerazione la miscela di aceto e zucchero permetteva che i cibi durassero più a lungo, quindi un ottimo conservante naturale.

Nel tempo questo gusto, sempre apprezzato, è stato valorizzato e tante sono le ricette di nuova generazione che usano l’agrodolce, senza dimenticare mai i piatti per eccellenza…caponata, tonno ca cipuddata, zucca rossa in agro, zucchine, alici …piatti gustosissimi e sempre in voga dove l’agrodolce è sempre arricchito da uvetta e pinoli; ingredienti usati nell’antichità per i dolori intestinali che in tempi andati, causa la cattiva conservazione dei cibi, erano frequenti.

Ma ora l’agrodolce ce lo godiamo e basta e per noi siciliani che inseriamo sempre lo zucchero nella salsa, nel sugo, in tante pietanze l’agrodolce è cosa comune, una consuetudine della nostra cucina.

Oggi vi propongo le polpettine in agro, una delizia, piatto ricco e gustoso, da servire a temperatura ambiente e da preparare almeno qualche ora prima di servire in modo che i sapori si amalgamano e vengano esaltati.

Tempo di realizzazione: 1 ora
Grado di difficoltà (da 1 a 5):  2

Ingredienti
800 g carne tritata
1 uovo intero
6 fette biscottate
150 g latte
30 g olio
q.b. sale
40 g parmigiano grattugiato
3 cipolle rosse
3 cipolla bianca
40 g olio
40 g aceto di vino rosso
30 g zucchero
q.b. sale
100 g uvetta ammollata
50 g pinoli

 

Polpettine in agrodolce

Procedimento
Sciacquare l’uvetta e lasciare in ammollo nel tempo della preparazione. Ammollare le fette biscottate nel latte tiepido. Strizzare le fette, inserire tutti gli ingredienti in una ciotola ed impastare il tritato. Formare delle polpettone grandi quanto una noce e infarinarle leggermente.
Affettare sottili le cipolle, inserirle in una padella grande con olio e rigirare facendo leggermente tostare, aggiungere mezzo bicchiere d’acqua e far cuocere per circa 15 minuti con coperchio.
Inserire le polpettine dentro le cipolle e far cuocere rigirandole leggermente senza farle rompere.
Io ho sempre fritto prima le polpettone in olio di semi prima di inserire nelle cipolle, ma oggi ho voluto rendere più leggero questo piatto ed ho cotto direttamente nelle cipolle. Appena le polpettine sono cotte, ben girate ed insaporite preparare l’agro miscelando l’aceto con lo zucchero mescolando bene, alzare al massimo la fiamma e versare l’agrodolce facendolo “sfumare” . Cuocere per cinque minuti, unire l’uvetta ed i pinoli, salare e spegnere.

E’ preferibile prepararle la mattina per la sera o la sera per il pranzo perché si insaporiscono maggiormente!

Marco Spetti

Autore: Marco Spetti

Ma chi è Marco Spetti?
Un appassionato di gastronomia che un bel giorno ha deciso di fondare un gruppo su Facebook, insieme alla sua amica Maria Antonella Calopresti, che porta il titolo di “Quelli che… non solo dolci”, un gruppo nato 2 anni fa e che oggi conta più di 30.000 iscritti. Un gruppo dove si condividono ricette, esperienze ed esperimenti il tutto in un clima goliardico. Vanta collaborazioni con importanti riviste di pasticceria.

Lascia il tuo voto:
recipe image
Nome Ricetta
Polpettine in agrodolce alla siciliana
Nome Autore
Pubblicato il
Tempo Totale
Voto Medio
31star1star1stargraygray Based on 6 Review(s)
Polpettine in agrodolce alla siciliana ultima modifica: 2018-03-12T09:30:47+00:00 da Marco Spetti

Commenti